OUA: IL 29 E 30 MAGGIO L’OUA CONFERMA LE DUE GIORNATE DI ASTENSIONE DALLE UDIENZE CONTRO LA CHIUSURA IRRAZIONALE E INCOSTITUZIONALE DI CIRCA 1000 UFFICI GIUDIZIARI - MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA (30 MAGGIO) DELLL’AVVOCATURA CON I COMUNI, I SINDACATI E LA SOCIETÀ CIVILE

IL 29 E 30 MAGGIO L’OUA CONFERMA LE DUE GIORNATE DI
ASTENSIONE DALLE UDIENZE CONTRO LA CHIUSURA
IRRAZIONALE E INCOSTITUZIONALE DI CIRCA 1000 UFFICI GIUDIZIARI

MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA (30 MAGGIO)
DELLL’AVVOCATURA CON I COMUNI, I SINDACATI E LA SOCIETÀ CIVILE

Soddisfazione è stata espressa dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura che aveva chiesto con forza che si anticipasse la data di trattazione del ricorso della Regione Friuli Venezia Giulia sulla geografia giudiziaria (prevista per l’8 ottobre), in vista dell’entrata a regime del provvedimento il prossimo settembre, e che in questi mesi ha messo in campo diverse iniziative contro quella viene definita una «irrazionale e incostituzionale chiusura di circa 1000 uffici, sedi distaccate e tribunali».
Per Nicola Marino, presidente Oua quella di oggi è «una buona notizia per la giustizia italiana. Accolte, finalmente, le richieste dell’avvocatura sia per l’anticipo dell’udienza dell’8 ottobre, sia per la celere fissazione di quelle sui rinvii del tribunale di Pinerolo (una il 2 e l’altra il 3 luglio). È bene che la Consulta esamini rapidamente questo provvedimento dai chiari profili di illegittimità. Non ha senso continuare, invece, ad accelerare questo processo di smantellamento del sistema con gravi danni per i cittadini, come sta facendo il Ministero di via Arenula e diversi presidenti di Tribunale».
«Al futuro Governo e al nuovo Parlamento – continua - chiediamo di intervenire con urgenza per evitare di distruggere la “giustizia di prossimità” e di mortificare interi territori del nostro Paese, sia dal punto di vista dei diritti sia sotto quello della competitività economica per le imprese».
«L’Oua – conclude Marino - ha inoltre fissato due giornate di astensione (29 e 30 maggio) con una grande manifestazione a Roma il 30 maggio insieme al Coordinamento dei Fori Minori, gli Ordini e le Associazioni forensi, i sindacati dei lavoratori e dirigenti dei Tribunali, i Sindaci e i cittadini interessati dal provvedimento».
Roma, 23 aprile 2013